Il profumo del ritorno a casa

2013-10-08 15.06.16

Dopo tante giornate calde e umide, climaticamente fuori stagione, finalmente a Trieste si è sollevata la prima bora, ancora molto modesta, ma il cielo ne ha beneficiato diventando  terso e soleggiato, il termometro ha iniziato a scendere e a segnare i primi cenni di vero autunno, i marciapiedi hanno iniziato a coprirsi delle prime foglie gialle e ad assumere la connotazione paesaggistica più consona alla stagione entrante.

Il cambio dell’ora, che detesto da sempre e che trovo inutile,  non fa che accelerare il mio naturale stato letargico invernale, mi intorpidisce il corpo, mi fa sentire freddo anche se ancora il termometro mi smentisce, perchè in questa città le giornate veramente fredde sono ben altra cosa,  sono quelle che ti mozzano il fiato, che non ti fanno sentire più le dita nonostante l’uso dei guanti, sono quelle in cui la bora ti entra ovunque, penetrandoti lungo il collo e gelandoti la schiena, facendoti lacrimare gli occhi, anestetizzandoti la punta del naso e delle orecchie.

Però, nonostante il clima ancora mite, sono rientrata tardi dal lavoro, stanca, stremata, nervosa e irritabile dopo aver combattuto per ore con persone arrabbiate, scontente, mortificate, con persone disperate che hanno perso il lavoro, che non mettono insieme il pranzo con la cena… sono rincasata con il freddo dentro, con un disperato bisogno di una doccia bollente e di un pasto confortevole, uno di quei pasti invernali semplici, ma ricchi di calore familiare, quelli che ti fanno apprezzare il fatto di essere rincasato e di non uscire più sino all’indomani.

Non volevo cuocere il solito arrosto, ma qualcosa che avesse un sapore un po’ diverso, che potesse comunque piacere a tutta la famiglia, niente di eccessivo, ma che avesse un tocco particolare, e allora ho provato a utilizzare un bel pezzo di spalla di maiale, acquistato in offerta il giorno prima, sul quale ho spalmato una generosa dose di senape saporita, acquistata in Slovenia e un po’ più forte di quella classica che si trova nei più comuni supermercati, forse più simile ad una senape rustica. Prima di ciò ho insaporito la carne inserendo nelle fessure praticate con il coltello delle foglie di alloro freschissime, qualche rametto di rosmarino appena colto, alcune bacche di ginepro e del sale aromatizzato,

Nel frattempo ho imbiondito nell’olio evo abbondante cipolla e vi ho rosolato il pezzo di arrosto, in modo da conservare all’interno della carne tutti gli umori, per poi trasferire il tutto in una pirofila da forno, aggiungervi quattro mele pelate e tagliate a cubetti e bagnare con abbondante vino rosso prima di infornare per circa un’ora (a forno ventilato).

Il mio forno è ancora nuovissimo, quindi i tempi sono in fase di sperimentazione: cuocete secondo i vostri tempi abituali e verificate spesso il grado di cottura… posso solo assicurare che il risultato è davvero gradevole, con una punta di piccantezza grazie alla presenza della senape e con la dolcezza delle mele, che sgrassano al punto giunto la carne di maiale, il tutto amalgamato con l’incredibile profumo di alloro, rosmarino e  ginepro!

PS: la foto fa pena, lo so…. ma ho preso l’ultima luce del giorno…

Ingredienti:

1700 g. spalla di maiale

4 mele

senape

1 cipolla grossa

rosmarino

alloro

vino rosso

bacche di ginepro

sale aromatizzato

DBCFCB9E800D96256F2947FD8B40B721

Annunci

31 pensieri su “Il profumo del ritorno a casa

  1. Ma buonooooooo bell’incontro senape e profumi di rosmarino ecc. Io ho anche il forno ventilato e alle volte certi arrosti rimangono troppo asciutti quindi li copro con la stagnola che levo 20 minuti prima della fine cottura. Forza cara purtroppo è così e sarà ancora peggio lascia fuori casa tutto il resto tira la saracinesca. Buona fine settimana cara baseto.

    Mi piace

    • Sul fatto che sarà sempre peggio sono perfettamente d’accordo (purtroppo), ma non sono proprio in grado di non farmi coinvolgere:cerco di aiutare quando e quanto posso, ma il vedere che lo stato ti ha levato ogni potere di tutela nei confronti della classe operaia ti destabilizza parecchio…
      In casa mia la carne non entra molto spesso perchè faccio di tutto per evitarla e per non alimentare ulteriormente il maltrattamento degli animali da macello, ma ho a che fare con due carnivori e talora li devo accontentare…ma che almeno si cambi gusto!
      Un bacione!

      Mi piace

    • Questo week end lungo è stato funestato da valanghe di compiti e bimbo poco studioso e recalcitrante, ma almeno non ho visto l’ufficio per tre giorni…. solo all’idea di tornarci domani per farmi tutto il giorno in quel manicomio mi viene l’orticaria!
      Un bacio!

      Mi piace

  2. A Trieste sono stata ma pochi giorni in cui ho visto anche il territori magnifico intorno. Una zona bellissima, in cui vorrò tornarei il prima possibile anche perchè la bora mi manca e le tue immagini mi fanno venire ancora più voglia.

    Mi piace

  3. Odio il vento che mi entra nelle orecchie e mi stordisce…e non credo riuscirei a vivere a Trieste!
    Qui oggi nebbia e temperature in calo ma credo sia normale visto che a fine ottobre in casa ci sono ancora 23 gradi…
    Un piattino come questo ti rigenera dal freddo, da una giornata così così e dalla stanchezza di una settimana lavorativa appena più corta. Ultimamente non consumiamo molta carne ma l ‘abbinata maiale/mele mi manca e devo rimediare presto.
    Bacioni e buon fine settimana.
    Silvia

    Mi piace

    • Carissima Silvia, pensa che noi la bora la amiamo, ma mi sa che bisogna nascerci per starcisi bene!
      Nemmeno io mangio molta carne, mi stanca e, in tutta onestà, mi fanno tremendamente pena quelle povere bestie che potrebbero vivere nei pascoli senza subire il maltrattamenti del mercato alimentare… ma devo accontentare anche gli ometti ogni tanto! Il maiale con le mele è un abbinamento divino….
      Un abbraccione! 🙂

      Mi piace

  4. DEve essere davvero delizioso questo piatto!
    Anche se non amo particolarmente la carne ,il fatto della senape e degli aromi ..mi stuzzica!
    Non sapevo che tu fossi di Trieste…domani sarò nella tua città per uno stage di yoga,ma in ogni caso siamo vicine di casa,abitando io in provincia di Udine!
    Un abbraccio e buona domenica!
    Dani

    Mi piace

  5. E’ un’ottima ricetta, gli aromi deliziosi, io adoro la senape.
    Grazie per esser passata da me Tatiana, mi spiace per quello che vedi ogni giorno e come ne soffri. Speriamo che le cose migliorino, che altro si può fare?
    Buona serata ^_^

    Mi piace

    • Eh…se continua così che ci puoi fare? Posso solo cercare di aiutare quando posso, ma oramai anche le istituzioni hanno le mani legate e ai lavoratori sono state tolte tante tutele che prima, ex-lege, spettavano a moltissime categorie… ora siamo lì, impotenti, a vedere famiglie intere sul lastrico, lavoratori sfruttati e maltrattati, diritti sindacali svaniti nel nulla, gli stessi diritti per i quali i nostri nonni hanno lottato duramente e che ora sono stati vanificati da una situazione di degrado generalizzato… ecco, queste sono le cose che mi rattristano profondamente…. situazioni generate dal qualunquismo e dall’egocentrismo della gente e dalla corruzione dei vertici, che tristezza!
      Un bacio!

      Mi piace

  6. mi piace molto la spalla di maiale fatta a questo modo! le mele, la senape, le bacche di ginepro.. mi sembra di poterne immaginare il sapore : )
    col forno io ci litigo anche adesso che sono passati due anni. giusto un paio di weekend fa ci ho fatto due torte, ricette prese da un affidabilissimo ed illustrissimo libro, e mi ha fatto impazzire!
    quanto al lavoro… ti assicuro che anche io qui non sorrido…
    bacio!

    Mi piace

    • Ciao Serena, questo è davvero un profumo che si addice alle atmosfere appenniniche che ritrovo nel tuo blog, quelle che amo tanto e che ricordo nei profumi del cibo, anche se qui c’è il tocco nordico della senape, che quassù mettiamo ovunque, e delle bacche di ginepro, anch’esse usatissime, specie sulla selvaggina… e le mele, quante ce ne sono sui nostri monti… insomma, un tocco di profondo nord a valorizzare un superbo piatto contadino, quello che all’epoca costituiva forse il pasto delle feste, ma che oggi fa piacere riproporre nelle occasioni speciali e quando si è miracolosamente tutti a tavola insieme… e che c’è di più speciale di questo?
      Un abbraccio! 🙂

      Mi piace

  7. Ciao Tat, io, come saprai, adoro la bora e l’aria frizzantina che ne consegue, i capelli scompigliati, la sciarpa che vola via da rincorrere sperando che non cada dal Molo Audace ma, si sa, noi triestini siamo strani e, direi, speciali, sicuramente mai banali e scontati 😉 Se te va a far a bale de neve, no metter el sasso dentro me raccomando. Questo arrosto mi ispira molto e mi fa felice immaginarti mentre apri il forno, bello lucido, pronto ad accogliere tante torte. Tra non molto posterò una torta che ti piacerà senz’altro, per la versatilità e semplicità di esecuzione. Ciao Tat, scusa se mi sono dilungata 🙂

    Mi piace

    • Ciao Libera, sulla bora ci troviamo in perfetta armonia…quel vento gelido che deterge il cielo e che ti fa sentire viva, l’aria frizzante e secca, anche la raffica improvvisa che ti fa sobbalzare…ah, che meraviglia!!!!
      Eh sì, questo forno sta lavorando alla grande e, per quanto rincorra la tariffa bioraria, non oso pensare alla prossima bolletta… ma quanto mi diverto! Finalmente!
      Un bacio.. e dilungati pure che mi piace!!!! 🙂

      Mi piace

  8. La carne di maiale mi piace molto accostata al sapore dolce delle mele, la tua ricetta mi ha colpito particolarmente e me la sono copiata, l’unica cosa che non aggiungerò è la senape che a me non piace!
    buon proseguimento di settimana
    Giusy

    Mi piace

    • Ciao Giusy, benvenuta!
      Mi fa piacere ti sia piaciuto questo arrosto un po’ diverso: è un piatto semplice ed inflazionato, ma un tocco di fantasia talora non guasta e permette di non stancarsi dei soliti piatti, per quanto gratificanti e di semplice esecuzione.
      Buona serata e un abbraccio!

      Mi piace

  9. Leggo questo post un po’ in ritardo rispetto ai tempi di pubblicazione e scopro che sei triestina. Anch’io lo sono anche se da 28 anni abito a Udine. Credo che in questi ultimi giorni tu abbia un po’ rimpianto il clima mite di fine ottobre … la bora non è mancata! 🙂

    Interessante questa ricetta. La proverò.

    Mi piace

    • Ma quante bloggers concittadine che sto scoprendo, non sai quanto piacere mi faccia che da una città così decentrata e chiusa in se stessa, pur nel suo naturale elemento cosmopolita che la contraddistingue da sempre, stiano uscendo delle persone curiose e che hanno la volontà di estrinsecare il proprio pensiero in rete!
      Lo sai che adoro la bora? E che amo tutte le stagioni perchè sono così belle e diverse tra loro? Sarebbe un peccato perdersi dei bei momenti solo perchè se piove è d’obbligo uscire brontolando… ecco, va bene anche così!
      Sappimi dire se la cenetta ti è piaciuta….
      Un bacio!

      Mi piace

      • Io personalmente non ne ho mai incontrate di triestine, almeno non su WP. Solo qualche friulana appassionata di cucina.

        Trieste chiusa? Dovresti vivere a Udine. 😦
        L’ultima volta che sono andata a Trieste di sera (ho partecipato alla festa per i 150 anni del Dante, lo scorso 19 ottobre), sono rimasta particolarmente stupita nel vedere la gente riversata nelle piazze e per le strade del centro a bere l’aperitivo. Sembrava fosse mezzogiorno più che le 8 di sera. A parte che non esco quasi mai la sera, ma qui non c’è tutta ‘sta vita. Sarà per questo che gli studenti friulani si fermano a Trieste anche dopo la laurea? Io sono atipica: dopo la laurea presa a Trieste me ne sono venuta qui. Ma ci sto bene, è un posto tranquillo con un centro storico che è un piccolo gioiello. Poco vivace ma a me va bene così.

        Mi piace tantissimo cucinare ma ho poco tempo e ciò mi rende particolarmente nervosa ai fornelli. Tutt’al più faccio qualche torta. Per la tua ricetta dovrò aspettare le vacanze di Natale, perché fino ad allora sarò (sono) sommersa dai compiti.
        Un bacio anche a te.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: