Il verde più bello

IMG_0257

Mi affaccio al balcone e c’è il bosco, tanto vicino che lo posso toccare, è di un verde vivo perchè è vero che la pioggia rende i verdi più intensi, grosse gocce stanno scendendo da un cielo plumbeo, tuona, l’acqua scende a catinelle, soffia una brezzolina gelida.

Lo stesso bosco che a primavera inoltrata mi apre il cuore quando guardo il suo verde, quando mi siedo e fisso incantata quel quadrato di prato che sorge a poco più di un metro dalla mia mano, sembra una distesa infinita e con la fantasia sto passeggiando in quota, su una cresta dolomitica, dove il verde è lo stesso, vivo e incontaminato.

L’estate è turchese come il mare e verde come i monti, questa è la mia idea dei colori ideali… la voglia di partire talvolta è tanta, ma amo la mia casa, il mio nido, specie ora che l’ho un po’ rivisitato lavorandoci molto e scovando dei complementi vintage, giocando con pochi soldi e tanta fantasia, allora la mia passeggiata dolomitica la faccio a pochi metri da casa, sempre accompagnata da Bubu e Polly, e la campagna la vivo raccogliendo bruscandoli, che dopo la pioggia spuntano in un’esplosione di gemme e il verde più bello lo metto nel piatto.

Questa ricetta la preparava la mia mamma quand’ero una ragazzina, lasciando i bruscandoli sbollentati nel piatto, mescolati alla pasta, ma in casa mia vivono due omini che apprezzerebbero il verde solo se si trattasse di Nutella colorata, quindi ho dovuto frullare il tutto e preparare una cremina, ma il sapore è rimasto lo stesso, con una gradevole punta di amarognolo nel piatto mitigata dalla dolcezza della panna!

IMG_0264

Ingredienti:

un mazzolino di bruscandoli (gemme di luppolo selvatico)

qualche cucchiaio di panna da cucina

sale q.b.

una manciata di pinoli tostati (circa 15 g.)

400 g. di linguine

IMG_0260

Procedimento:

Sbollentare per pochi minuti i bruscandoli in poca acqua salata in modo da togliere l’eccesso di amarognolo, poi frullarli con il minipimer utilizzando un cucchiaio di acqua di cottura, mescolare poi la crema ottenuta con un po’ di panna da cucina e condire la pasta. Servire immediatamente la pasta cosparsa di pinoli leggermente tostati.

DBCFCB9E800D96256F2947FD8B40B721

Annunci

30 pensieri su “Il verde più bello

  1. Mi piacciono…li raccoglievo sempre con mia nonna…ci ho fatto delle frittatine che spero di pubblicare presto…però sai che nella pasta non li ho mai provati?
    Mi hai dato un’idea con tutte le ceche (da me si chiamano così) che avvolgono l’orto

    Un abbraccio pesciolino sognatore…

    Mi piace

    • Allora davvero certe erbe spontanee hanno i nomi più disparati a seconda delle regioni d’Italia… proprio per questo motivo ho immortalato un bel bruscandolone accanto alla scodella!
      Anch’io di frittatine ne faccio un bel po’ (l’ultima stasera a cena), ma ne ho trovati tantissimi e anche avendone surgelata una parte ho provato se riuscivo a farli mangiare così ai due fastidiosi!
      Un bacino tutto per te! ❤

      Mi piace

  2. Ciao Tatiana, noi li chiamiamo in modo diverso..da piccola ne ho mangiati tanti lessati a mazzetti e con sopra l’uovo al tegamino, burro e parmigiano…una bontà! Ottimo anche il risotto…sulla pasta non li ho mai provati. Oggi purtroppo non se ne trovano quasi più dove abito io..

    Mi piace

    • Come li chiamate? Ogni zona ha il proprio nome….
      Bella anche la tua idea dell’uovo al tegamino, almeno per non fare la solita frittatina, anche se, a dire il vero, a me piacciono proprio con l’ovetto sbattuto e morbido, ma il burro e il parmigiano non ce li ho mai messi!
      Purtroppo anche qui hanno cementificato moltissimo perdendo queste bellezze, simbolo di una cultura agricola che si sta dimenticando.

      Mi piace

      • Il nome è in dialetto …il bergamasco ha dei suoni particolari: sono i lüartiss..oppure löevertiss spero si scriva così! Da in si mangiano con le uova anche gli asparagi coltivati ed anche quelli selvatici, di bosco. Ma anche quelli non si trovano più…

        Mi piace

  3. Adoro i primi piatti veloci, saporiti e genuini.E la verdura selvatica in questo periodo trionfa in ogni dove I pinoli tostati sono il tuo tocco di classe. Da provare!
    Un abbraccio, ciao
    Marirò

    Mi piace

    • E’ vero…poi con tutta questa pioggia è un mondo verdissimo, peccato non conoscerne di più di erbe spontaneee: la mia “sapienza” si ferma a 5-6 piantine….
      Prova e poi dimmi se non è buona! I pinoli riescono davvero a cambiare un piatto!
      Un bacio!!! 🙂

      Mi piace

  4. Questo pasta è fantastica, semplice e naturale come piace a me. Non sai da quanto sto dando la “caccia” al luppolo! Peccato che nelle campagne qui attorno il signorino ami giocare a nascondino, e per ora sta vincendo nettamente la partita. Appena mi capiterà tra le mani comunque questa ricettina sarà una delle prime 🙂
    A presto e buona giornata (di sole spero)!!!

    Mi piace

  5. Che descrizione poetica del bosco e della bellezza che ti circonda, davvero piacevole…è la prima volta che sento nominare i bruscandoli, mi consola aver letto che anche la mia amica Viv non li conosceva!
    Questa pasta però è proprio invitante e appetitosa, brava!
    Buona serata Tatiana, a presto!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: