Sformato ai ceci con crema di nocciole, mandorle e miele d’acacia

Immagine 041

E’  raro che io partecipi a dei contest o ad iniziative di qualsiasi genere che poi alla fine mi fanno sentire “costretta” da termini di pubblicazione, da banner che mi complicano la mia scarsa vita informatica o da ingredienti che non sempre ho il tempo di andare ad acquistare; eppure questa volta sono qui, nemmeno io so bene il perché di questa decisione arrivata di getto, senza pensarci troppo… probabilmente perché l’estate appena trascorsa ha visto il mio primo assaggio di Abruzzo grazie ad una sosta in camper nel corso del rientro a casa dalle vacanze, una sosta non troppo studiata, quasi casuale che però mi ha permesso di conoscere una terra bellissima, ricca di verde lussureggiante, piena di piccole città ordinate, pulitissime, dai servizi ineccepibili e in cui il contatto con la gente è stato molto piacevole e ricco di cordialità. Ho avuto modo di toccare con mano quel rapporto speciale con le persone umili, con la realtà semplice dei piccoli centri non ancora divorati dall’egocentrismo dei più o dal consumismo dell’apparenza e proprio a questo “bel vivere” voglio dedicare la mia ricetta, ad una regione da valorizzare perché i frutti della sua terra non meritano nulla di meno di altri prodotti ben più conosciuti. Grazie per l’ospitalità Abruzzo!

Immagine 038

Ingredienti:

200 g. di ceci ammollati e lessati con un pizzico di sale

350 g. di latte

60 g. di miele di acacia (più un cucchiaio per la copertura di mandorle)

5 cucchiaini abbondanti di crema di nocciole (volendo fatta in casa)

3 cucchiaini di caco amaro

1 cucchiaio scarso di agar-agar

1 manciata di mandorle non pelate

Procedimento:

Riscaldare 300 g. di latte e farvi sciogliere l’agar agar mentre, a parte, i ceci andranno frullati con 50 g. di latte, la crema di nocciole, il cacao e il miele, per poi unire il tutto all’agar agar mescolando con una frusta sino ad addensamento; far riposare, una volta raffreddato, il tutto nel frigorifero per qualche ora. Prima di servire tostare in padella, per pochi minuti, una manciata di mandorle e poi  tritarle grossolanamente in un mortaio, senza spellarle come ho fatto io, per ottenere un sapore più intenso e rustico, mescolarle con una cucchiaiata di miele di acacia e versare il tutto sullo sformato.

Immagine 037

Immagine 039

Immagine 044

Immagine 048

Immagine 051

Con questa ricetta partecipo al contest “Taste of Abruzzo – It’s Xmas Time”:

Banner_ContestTaste_Xmas02-1024x635

DBCFCB9E800D96256F2947FD8B40B721

Annunci

36 pensieri su “Sformato ai ceci con crema di nocciole, mandorle e miele d’acacia

    • E’ una terra veramente bella: l’avevo attraversata in treno molti anni fa e mi aveva colpita, ma aver avuto l’occasione di visitarla con la calma di un viaggio in camper è stata la scelta migliore… e pensa che ci siamo capitati per caso perchè nei programmi di mio marito c’era una destinazione diversa, ma non ricordava più il nome della città “predestinata”…. così anzichè fermarci in Emilia (poi ha rintracciato la meta giusta) abbiamo sostato in Abruzzo!
      Un bacione ❤ (e grazie per la ola 🙂 )

      Liked by 1 persona

    • Buonissima davvero…. anche se temevo il risultato quando mi sono incaponita nell’inserire i ceci in un piatto dolce: ho iniziato pensando all’utilizzo che se ne fa in alcune cucine etniche e al connubio con il miele e allora mi sono detta che sì, si può tentare! E ho fatto bene.
      Buona settimana 🙂

      Liked by 1 persona

    • Quando appoggi il primo cucchiaio sulla lingua ti sembra uno budino, poi il cece fa la differenza anche se non lo percepisci come tale: secondo me il tocco in più lo dà la mandorla con il miele… ed esplode il sapore delle feste 🙂
      Io l’ho preparato con il latte vaccino, ma sostituendolo con una bevanda alternativa costituisce un dessert vegan perfetto grazie all’uso dell’agar agar: non ho simpatia per i piatti veg, ma c’è chi utilizza una cucina esclusivamente vegana, quindi…perché no?
      Un bacio 🙂

      Mi piace

  1. Anche io non riesco ad immaginare il gusto di questa crema. Mi piacciono i ceci,ma li ho sempre usati in versione “salata”.Mi piacerebbe proprio sperimentarla. Perdona la mia ignoranza in cucina: l’agar agar cos’è?
    Bacioni
    Daniela

    Liked by 1 persona

    • Ciao Daniela, inizio col dirti che l’agar agar non è altro che un polisaccaride che viene ricavato dalle alghe rosse e che costituisce un ottimo gelificante naturale, quindi si tratta di una valida alternativa alla colla di pesce (e che nemmeno richiede ammollo): si acquista in polvere pertanto è anche perfettamente dosabile!
      Provala, è una ricetta molto veloce e ti renderai conto di quanto sia versatile il cece…
      Un bacione 🙂

      Mi piace

    • Ciao Alessia, con questa veste di frutta secca diventa davvero un dessert sontuoso nonostante la povertà degli ingredienti base: se penso che è stato approvato anche dai miei due fastidiosi mi ritengo già la prima classificata (che poi ho partecipato proprio d’impeto…del resto m’importa poco)!
      Ti abbraccio forte ❤

      Liked by 1 persona

  2. Deliziosaaaa!! Ho utilizzato spesso creme di legumi in versione dolce e trovo che siano squisite! Questa tua versione è molto originale, non l’ho mai provata ma so già che sarà squisita, complimenti 🙂
    Ciao un abbraccio e a presto
    Federica 🙂

    Mi piace

    • Hai visto che assurdità mi invento ogni tanto? Eppure è proprio buono, alla faccia del cece 🙂 Comunque i ceci sono neutri e nel dolce danno quel tocco diverso che non saprei nemmeno descriverti….di certo è il loro sapore rustico che, unito alla frutta secca e al miele, fa la differenza!
      Un abbraccio a te 🙂

      Mi piace

  3. Ciao Pamela e benvenuta! Chissà se, tra un sapone e una candelina, riesci a farne un paio di ciotoline? Merita davvero, ma non omettere la frutta secca di copertura: crea un contrasto croccante che ti proietta immediatamente al Natale….
    Un abbraccio 🙂

    Mi piace

    • Il cece dalle mie parti è poco considerato e spesso denigrato, invece è così rotondamente simpatico, perfetto nelle insalate, nelle zuppe e anche nei dolci… e taccio sul fatto che io mi ci lavo pure i capelli dopo averlo ridotto in polvere 🙂 Il suo incontro con la frutta secca e con il miele ha qualcosa di magico, crea un’armonia, un incontro che, come dici tu, non è affatto scontato, eppure è bilanciato e gradevolissimo al palato…. Ora vieni qui con me che ci rilassiamo sul divano con questo sformato e un infuso ai frutti di bosco!
      Un abbraccione ❤

      Mi piace

    • Ciao e benvenute…visto che avevate ragione a sospettare di essere finite nello spam? Dal cellulare non lo potevo vedere e solo ieri sera mi è stato consegnato il portatile nuovo… La vostra osservazione sugli ingredienti mi ha colpita perchè non ci avevo pensato ed avete proprio ragione…. I dolci a base di miele li adoro per il profumo particolare che hanno e, tanto per rimanere in argomento, ne è in arrivo un altro!
      Un bacio 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: