“Finchè le stelle saranno in cielo” di Kristin Harmel

imagesSV9ZECDE

Foto tratta dal web

Per lungo tempo ho rinviato la pubblicazione di alcuni post che riguardassero la lettura, tenendomi sempre da parte qualche bozza mezza scritta senza però decidermi a portare a termine il lavoro: talora penso che non è detto che i libri possano interessare a tutti, ma alla fine la passione per la lettura è stata più forte di me e mi sono decisa!

Questo romanzo l’ho letto molti mesi fa, ma lo rileggerei mille volte perché è pieno di sentimento, perché quando l’ho finito ho pianto tanto, le ultime pagine sono state velate dalle lacrime e quando un libro riesce a trasmettere un’emozione significa che è un buon libro.

La figura chiave, pur non protagonista diretta, è Rose con la sua abitudine, nell’attimo che precede la sera, di volgere lo sguardo al cielo alla ricerca della prima stella del crepuscolo: ciò le riporta la memoria al suo passato trascorso a Parigi, lungo le rive della Senna, e ad una pasticceria i cui ricordi si stanno affievolendo, divorati dalla perdita della memoria. Rose ha un ultimo desiderio, prima di smarrire ogni ricordo, il desiderio di ritrovare la propria famiglia e tale compito viene affidato ad Hope, la nipote, il cui nome oltretutto è davvero di buon auspicio per un compito simile; l’unico punto di partenza per lei è una serie di ricette che quotidianamente mette in pratica nella propria pasticceria, ereditata da Rose, a Cape Cod. Prima di mettere nelle mani di Hope ciò che resta della sua memoria, Rose le confessa di non essere cattolica, ma ebrea e da questo punto si dipana un gomitolo di avvenimenti che trovano il proprio nucleo tra sinagoghe, moschee ed Olocausto, non quello narrato nei libri di storia, ma quello vissuto da Rose sulla propria pelle, quello del proprio passato cui appartiene anche Jacob, l’amore che nemmeno l’Alzheimer che l’ha colpita riesce a spazzar via.

In un’atmosfera profumata di vaniglia, cannella e cioccolato, di cupcakes e di pains au chocolate, Hope decide di partire per Parigi e lì, tra Places des Voges e le stradine del Marais, incontrerà l’unica persona in grado di far luce sui ricordi di Rose, per collegare la tragedia della deportazione degli ebrei alla più grande lezione di vita, quella dell’amore che non muore mai, a dispetto del tempo e della distanza, e che per un’ultima volta accompagnerà per mano il lettore sino alla fine, con le lacrime agli occhi come è accaduto a me.

DBCFCB9E800D96256F2947FD8B40B721

Annunci

22 pensieri su ““Finchè le stelle saranno in cielo” di Kristin Harmel

    • Su questo hai pienamente ragione, il libro perfetto è un’impresa titanica, tant’è che talora si sbaglia scelta anche per sé.. io di solito vado ad istinto e gli errori sono molto rari, ma di questa scelta sono stata entusiasta: un libro ricco di sentimento e mai banale!
      Buona giornata a te 🙂

      Mi piace

    • Francesca cara, so che questo libro ti piacerà, lo so per certo perché sono pagine plasmate sul nostro modo di essere, perché lo so che sei come me e che quando senti parlare di pain au chocolate, di profumo di vaniglia e di una Parigi romantica non resisti… è vero, è un romanzo molto gattoso e se lo leggerai poi fammi sapere che ne pensi (e quante lacrime hai versato sulle pagine)….
      Un abbraccio ❤

      Mi piace

    • Mi fa piacere che lo ritieni utile! In effetti questo post lo pensavo scontato, senza però realizzare che tu certamente hai non pochi problemi a reperire dei libri all’estero: io comunque ultimamente leggo solo ebooks, così sono sempre aggiornata e non fatico a trovare alcun titolo! Quindi se hai qualche curiosità in merito a qualche uscita chiedi pure, che se ne sono a conoscenza condivido volentieri…. e se hai delle remore a scrivere sul blog puoi anche utilizzare la mia mail diretta!
      Un bacio 🙂

      Mi piace

  1. E’ la prima volta che mi imbatto nel tuo blog, girando qua e là. Sono arrivata al commento di questo libro, e non ho potuto fare a meno di scriverti un pensiero. L’ ho letto già lo scorso anno, ma tu me l’hai riportato alla memoria. Non posso che condividere le tue emozioni, e sì, anche qualche lacrima lasciata sulle sue pagine. Pagine di carta, perchè io sono ancora affezionata alla pagina da voltare con il dito, al libro da riporre nella libreria, da guardare tutte le volte che giro lo sguardo intorno. Beh, dopo questo sproloquio, ti prometto che passerò spesso a leggerti. Sei molto simpatica. Ciao.
    Mafi

    Liked by 1 persona

    • Benvenuta Mafi! E grazie per il bellissimo commento… questo libro lo merita davvero e la testimonianza da parte di chi, come me, l’ha già letto è una garanzia; anch’io apprezzo la carta, come penso tutti coloro i quali amano la lettura, ma sono anni che mi sono convertita a vari formati elettronici (prima utilizzando il Nintendo DS e ora il KIndle) per poter avere sempre una biblioteca fornita con me, per un risparmio di soldi e, soprattutto, di spazio, visto che la mia libreria a parete (enorme) e già in triplice fila oramai non reggerebbe più nemmeno uno spillo (ed è molto difficile che io elimini i libri già letti). Diciamo che il Kindle non mi fa rimpiangere molto la carta visto che la visione è molto simile al formato editoriale classico e, in più, ho sempre il vocabolario incorporato, che non è cosa da poco… quando passo al cartaceo trovo sempre il termine che non conosco e la mancanza di un dizionario attivabile con un click mi manca parecchio.
      Grazie della visita e se ti va di “sproloquiare” ancora un po’ 🙂 sappi che a me fa piacere!
      Un caro saluto!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: