Sognando un’estate tra gli ulivi

IMG_2494

Sto leggendo un libro nelle poche pause libere che ho, porto il Kindle sempre in borsa e quindi ogni tanto un capitolo riesco a godermelo: non è alta letteratura, ma la trama si svolge tra Inghilterra e Sicilia con brevi accenni alla Gran Bretagna e tantissimo sentimento incentrato sul Mediterraneo, sui suoi sapori, la sua cucina, i suoi profumi.

Mi fa sognare perchè mai come quest’anno ho un desiderio intenso di mare, è stato un anno difficile dopo un’estate piovosa e fresca, troppo per i miei gusti: qui si narra di ulivi a picco sul mare, di oleandri fioriti, di profumo di limoni, di ricotta e di arance candite, si parla di ville in pietra grezza, di vino passito, di cielo blu cobalto.

E allora la mia fantasia sale su una barchetta e raggiunge il largo cristallino, sfiora le cavità turchesi delle volte rocciose e delle grotte, scende su una spiaggia, nel’insenatura più piccola e appartata, e fa una nuotata lunga e rigeneratrice in un’acqua splendida, fresca, meravigliosamente pulita e limpida.

Mi vedo in un cortile a tagliare pomodori profumati, ad affettare peperoni e melanzane, ad insaporire i miei piatti con le olive nere, grosse, amarognole come piacciono a me… sono a piedi nudi coperta solo da un prendisole bianco sulla pelle abbronzata, ho i capelli bruni ancora umidi dopo la nuotata che mi scendono mossi sulle spalle, mi sento leggera e ancora fresca mentre mescolo istintivamente gli aromi del basilico e dell’origano, mentre uso gli agrumi per regalare al pesce fresco un tocco di carattere in più.

Sono circondata da personaggi che preparano un caffè forte, denso, intenso, un caffè che riallaccia la tradizione sicula con quella degli antenati moreschi le cui influenze ancora oggi permeano la sponda occidentale dell’isola, mi offrono una tazza di questa bevanda il cui aroma mi arriva a stuzzicare le papille gustative già da lontano, a me che nemmeno amo il caffè, ma che in questo contesto mi attrae.

E allora mi metto in cucina e realizzo qualcosa che del caffè abbia almeno il carattere deciso, andando istintivamente ad occhio nelle dosi e nell’uso degli ingredienti, mescolando il tutto secondo il gusto del momento, per ricreare un po’ di quella magia tutta mediterranea.

IMG_2499

Ingredienti:

5 uova

300 g. di zuccchero

1 pizzico di sale

500 g. di farina

1 bustina di lievito per dolci

150 g. di burro bavarese

250 g. di latte

50 g. di caffè solubile forte

zucchero a velo per rifinire (che io non ho usato perchè non amo i sapori troppo dolci)

Procedimento:

Mescolare bene le uova con lo zucchero e il sale in modo tale da incorporare un po’ d’aria, poi gradualmente unire il latte, il burro fuso e il resto degli ingredienti. Le dosi sono abbastanza abbondanti, ma oltre allo stampo da kuglupf che ho usato ne ho riempito anche un altro piccolino da plumcake per portare un po’ di merenda in ufficio (mica posso far morire di fame le colleghe…), quindi sappiate regolarvi…..

Infornare a 180° per 45 minuti.

PS: il cuore del dolce rimane morbidissimo e quasi liquido…una goduria…..

IMG_2496

Annunci

6 pensieri su “Sognando un’estate tra gli ulivi

    • Il libro è “Il giardino degli aranci fioriti” di Juliet Hall: non è un “librone”, ma si tratta di letteratura gradevole e che ti lascia una sensazione di leggerezza e relax sulla pelle… è uno di quei romanzi da godersi acciambellati sul divano, con una tazza fumante accanto, dopo una giornata pesante!
      Un bacio 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: